Artigianato, quali sono le attività regolamentate.

Il vocabolario Treccani definisce l’artigiano come “chi esercita un’attività (anche artistica) per la produzione (o anche riparazione) di beni, tramite il lavoro manuale proprio e di un numero limitato di lavoranti, senza lavorazione in serie, svolta generalmente in una bottega”.

L’artigianato è molto sviluppato in provincia di Roma e le zone di Civitavecchia, Bracciano e comuni vicini sono note per la caratterizzazione artigianale del loro tessuto produttivo.

L’artigianato può essere un esercizio libero (senza particolari autorizzazioni di Enti), oppure regolamentato.

Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani, la sua testa e il suo cuore è un artista. San Francesco

Le attività artigiane regolamentate.

Autoriparazione (meccatronica, carrozzeria, gommista)

  • Laurea, diploma universitario o diploma di istruzione secondaria di secondo grado in materia tecnica attinente l’attività;
  • in alternativa, corso regionale teorico pratico di qualificazione e un periodo di esercizio dell’attività di almeno un anno nell’arco degli ultimi cinque anni;
  • in alternativa, aver esercitato l’attività di autoriparazione per almeno tre anni negli ultimi cinque presso imprese del settore in qualità di titolare, socio partecipante al lavoro, collaboratore familiare, dipendente operaio qualificato o altre figure particolari che verranno valutate caso per caso.

Impiantistica

  • Diploma di laurea in materia tecnica;
  • in alternativa, diploma o qualifica di scuola secondaria di secondo ciclo con specializzazione relativa al settore delle attività seguiti da un periodo di almeno uno/due anni alle dirette dipendenze di un’impresa del settore;
  • in alternativa, titolo o attestato di formazione professionale previo un periodo di inserimento di almeno due/quattro anni continuativi, alle dirette dipendenze di un’impresa del settore;
  • in alternativa, aver esercitato l’attività di installazione di impianti per almeno tre/sei anni, escluso il periodo di apprendistato e quello svolto come operaio qualificato, alle dirette dipendenze di un’impresa abilitata nello stesso ramo di attività;
  • in alternativa, essere in possesso di requisiti già accertati dal Registro Imprese o dalla Commissione Provinciale per l’Artigianato.

Trasporto merci conto terzi

I requisiti variano in base al peso trasportato:

  • per autotrasporto conto terzi inferiore a 1,5 tonnellate di peso complessivo è sufficiente la domanda di iscrizione Albo Autotrasportatori;
  • per autotrasporto conto terzi superiore a 1,5 tonnellate di peso complessivo è necessaria domanda di iscrizione Albo Autotrasportatori dimostrando i requisiti di capacità finanziaria e idoneità professionale;
  • la dimostrazione di idoneità professionale viene acquisita previo superamento di un apposito esame presso la Provincia di residenza.

Trasporto persone (taxi, noleggio con e senza conducente)

  • Requisiti di capacità finanziaria, non richiesta per i veicoli fino a nove posti;
  • requisiti di idoneità professionale, acquisiti previo superamento di un apposito esame presso la Provincia di residenza.
  • L’attività è subordinata al possesso di licenza per l’esercizio del servizio di taxi e autorizzazione per l’esercizio del servizio di noleggio con conducente, che sono rilasciate dalle amministrazioni comunali tramite bando di pubblico concorso oppure acquistate con cessione di azienda.

Imprese di pulizia

Pulizia e disinfezione. Il possesso di requisiti tecnico – professionali non è richiesto.

  • E’ necessario essere in possesso di requisiti di capacità economico-finanziaria: assenza di protesti cambiari negli ultimi cinque anni, salvo dimostrazione di aver completamente soddisfatto i creditori. Tale requisito verrà accertato dall’ufficio mediante il Registro Informatico dei Protesti tenuto dall’Ufficio Protesti della Camera di Commercio;
  • iscrizione all’INPS e all’INAIL di tutti gli addetti compreso il titolare e i familiari e i soci prestatori d’opera;
  • regolare applicazione dei contratti collettivi di settore qualora l’impresa occupi personale dipendente;
  • esistenza di rapporti con il sistema bancario (titolarità di almeno un c/c bancario o postale intestato all’impresa).

Disinfestazione, derattizzazione e sanificazione.

  • E’ necessario essere in possesso dei requisiti di capacità economico-finanziaria come per le attività di pulizia e disinfezione;
  • diploma universitario, laurea o diploma di istruzione secondaria superiore in materia tecnica attinente l’attività;
  • in alternativa, attestato di qualifica a carattere tecnico attinente l’attività;
  • in alternativa, assolvimento dell’obbligo scolastico e esperienza professionale qualificata di almeno tre anni.

Acconciatore

  • Qualifica professionale abilitante all’esercizio di acconciatore riconosciuta dalla Commissione Provinciale per l’Artigianato presso la Camera di Commercio;
  • in alternativa, attestato di abilitazione all’esercizio dell’attività di acconciatore.

Estetista

  • Qualifica professionale abilitante all’esercizio di estetista riconosciuta dalla Commissione Provinciale per l’Artigianato presso la Camera di Commercio;
  • in alternativa, attestato di specializzazione professionale rilasciato da una Scuola Professionale.

Tintolavanderia

Idoneità professionale comprovata dal possesso di almeno uno dei seguenti requisiti:

  • frequenza di corsi di qualifica tecnico-professionale della durata di almeno 450 ore complessive da svolgersi nell’arco di un anno;
  • attestato di qualifica in materia attinente l’attività, integrato da periodo di inserimento della durata di almeno un anno presso imprese del settore, entro tre anni dal conseguimento dell’attestato;
  • diploma di maturità tecnica o professionale o di livello post-secondario superiore o universitario, in materie inerenti l’attività;
  • periodo di inserimento presso imprese del settore non inferiore a un anno, se preceduto dallo svolgimento di un rapporto di apprendistato della durata prevista dalla contrattazione collettiva oppure due anni in qualità di titolare, socio partecipante al lavoro o di collaboratore familiare degli stessi oppure tre anni, anche non consecutivi ma comunque nell’arco di cinque anni, nei casi di attività lavorativa subordinata.

Tutte le attività sono subordinate al possesso dei requisiti del locale che deve rispettare le norme urbanistiche e quelle relative alla destinazione d’uso; i regolamenti edilizi; i regolamenti locali di polizia annonaria e igienico sanitaria; i regolamenti locali di polizia urbana; le norme di prevenzione incendi e di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Chi esercita una qualsiasi attività deve essere in possesso di requisiti morali e di onorabilità e nei propri confronti non devono sussistere le cause di divieto, di decadenza e di sospensione previste del codice delle leggi antimafia.

Per informazioni:
info@be-startuplazio.it

avanti-def